Zanda ci spiega cosa si capisce della sinistra quando si attacca a Verdini. Opportunismi e inestetismi – parla il capogruppo Pd al Senato

26 Gen
Certo Denis Verdini che vota con il Pd le riforme istituzionali è una cosa un po’ strana, incongrua, un po’ alla bar di Guerre Stellari, “ma anche i Cinque stelle che votano Altero Matteoli presidente della commissione Lavori pubblici…”. E...
Read more »

L’unica scissione utile è quella che si minaccia ma non si realizza mai. Perché a Bersani & Co. non conviene uscire dal Pd renziano.

11 Ago
Pubblicato sul Foglio “L’ultima volta che uno di loro mi ha chiesto consiglio, gli ho detto così: pensaci bene… e soprattutto assicurati che ci sia davvero un posto dove andare”. E Cesare Salvi pronuncia queste parole con tono martellato ma...
Read more »

Lo Zen e l’arte di fare l’opposizione a Renzi. Un mistero politico

5 Mag
Pubblicato sul Foglio. Roma. Come lo Zen, come certe divinità, l’opposizione non è nominabile, non è conoscibile, descrivibile. Anguilla metafisica, sfugge alla presa. Meccanismi misteriosi, impulsi di cui nulla sa l’etologo (o il politilogo) determinano nelle sue mosse sottili cambiamenti...
Read more »

“Ehm, are you leaving the party?”. Passeggiare tra le anime del Pd

21 Apr
Pubblicato sul Foglio. Martin Schulz, presidente del Parlamento europeo, ospite d’onore di Laura Boldrini e Pietro Grasso, affonda su un remoto divano di Montecitorio quando si accorge che Stefano Fassina sta attraversando il corridoio con passo svelto e finalizzato. Allora...
Read more »

A sinistra di Renzi c’è un partito in piena crisi di rigetto: il Pd. Il nuovo segretario lancia il Job act, scudiscia Saccomanni e se ne frega dei tormenti degli ex Ds in panne

9 Gen
Presenta una bozza del suo documento sul lavoro battezzato all’americana “Job act”, e come Silvio Berlusconi chiede di sforare il limite del 3 per cento nel rapporto tra defici e pil (“non lo sforeremo mai”, dice invece Enrico Letta), poi...
Read more »

La vecchia guardia Ds mastica fiele e medita vendette antirenziane. “Matteo non è il Cav. e il Pd non è Forza Italia”, dice Sposetti. I timori di Veltroni, il silenzio di D’Alema

7 Gen
“Renzi non è Berlusconi, a lui non è concesso di fare tutto senza mai pagare dazio. Non è composto d’una luce immortale e d’un pingue portafoglio”. Ed è con un tono di saggia e allusiva condiscendenza che Ugo Sposetti, il...
Read more »