Sposetti ci spiega in che senso il Pd è diventato un’agenzia di viaggi. “Se il Pd fosse un’azienda di cui studiare i conti, si scoprirebbe che non c’è più nulla”. Dai vecchi leader fino a Renzi

10 Dic
Roma. “Vogliono il partito, discutono del doppio incarico di Renzi, vorrebbero che lui lasciasse la segreteria… Mi sembrano fuori dal mondo. Ho letto Violante, ho letto Massimo Salvadori su Repubblica, ho sentito le cose che dice Cuperlo, so quello che...
Read more »

Quanto pesano nel Pd le sinistre che alla Leopolda oggi si sentono a casa. Orfini, Orlando, Martina, la strada per un correntone del Pd e i nuovi equilibri cercati da Renzi (anche in Cdm)

9 Dic
Roma. Appena il suo ministro della Giustizia e capo della corrente dei “giovani turchi” Andrea Orlando prende la parola, e a margine di una riunione del Consiglio dei ministri si abbandona al discorso “politico” e dunque costeggia la dolorosa questione...
Read more »

Caro Renzi, il Pd lascialo a noi. Orlando, Zingaretti e i sogni da segretario Pd. Movimenti a sinistra per un nuovo patto con il premier

13 Nov
Roma. A “Lui” non l’hanno ancora detto, ovviamente, eppure tra loro ne parlano, e molto, in quello stato di miracolosa e paziente discrezione con la quale sempre si prepara una mossa al tavolo degli scacchi: Renzi fa troppe cose –...
Read more »

Proteggere il renzismo da Renzi, nasce così il patto della Playstation Orfini, Orlando e altri non più giovani turchi alle prese con gli eccessi di una leadership irrinunciabile

4 Giu
Pubblicato sul Foglio C’è stato un momento in cui si sono passati l’un l’altro un libricino di Franco Cassano che s’intitola “Senza il vento della storia. La sinistra nell’èra del cambiamento”. Andrea Orlando segnava le pagine piegandone gli angoli, Matteo...
Read more »

“Ehm, are you leaving the party?”. Passeggiare tra le anime del Pd

21 Apr
Pubblicato sul Foglio. Martin Schulz, presidente del Parlamento europeo, ospite d’onore di Laura Boldrini e Pietro Grasso, affonda su un remoto divano di Montecitorio quando si accorge che Stefano Fassina sta attraversando il corridoio con passo svelto e finalizzato. Allora...
Read more »

A sinistra di Renzi c’è un partito in piena crisi di rigetto: il Pd. Il nuovo segretario lancia il Job act, scudiscia Saccomanni e se ne frega dei tormenti degli ex Ds in panne

9 Gen
Presenta una bozza del suo documento sul lavoro battezzato all’americana “Job act”, e come Silvio Berlusconi chiede di sforare il limite del 3 per cento nel rapporto tra defici e pil (“non lo sforeremo mai”, dice invece Enrico Letta), poi...
Read more »